VERONA Ospedale dei SS. Giacomo e Lazzaro alla Tomba sezione psichiatrica - Ospedali d'Italia

Vai ai contenuti

Menu principale:

VERONA Ospedale dei SS. Giacomo e Lazzaro alla Tomba sezione psichiatrica

Ospedali Nord est > Regione Veneto > Verona città

Nel 1797 l’ospedale San Giacomo di Tomba venne chiuso e le funzioni furono trasferite alla Casa della Misericordia e nel 1803 fu assegnata alla Santa Casa della Pietà metà delle sue rendite. Nel 1863 è documentata la destinazione degli spazi lasciati ormai liberi a caserma comunale. L’adattamento a scopo militare, con numerose scuderie, fa pensare a un utilizzo come caserma sussidiaria destinata alla Cavalleria.
Solo nel 1879 l’ospedale venne nuovamente utilizzato, quando la Provincia staccava dal proprio ospedale il reparto maniaci e lo trasferiva a San Giacomo della Tomba per un migliore collocamento dei pazienti dei quali si tentava un recupero con il progetto Stefani-Carli che precedeva la fondazione della Colonia Agricola.

Al link   
http://www.cartedalegare.san.beniculturali.it/index.php?id=526&navId=0         troviamo ulteriori informazioni

Venne inaugurato il 2 luglio 1880.
Ospitò fin dall'inizio i malati provenienti dall'Ospedale civile, da San Servolo e da San Clemente a Venezia.
Negli anni Cinquanta del Novecento la struttura ospita importanti e innovative iniziative di rieducazione legate all'attività artistica con l'istituzione del laboratorio di pittura e scultura (destinato a proseguire anche negli anni Sessanta) dell'artista scozzese Michael Noble cui si affianca l'attività di John Phillips autore nel 1959 di un importante reportage fotografico sulla vita del San Giacomo.
Il San Giacomo viene chiuso qualche anno prima della legge Basaglia e i suoi ospiti trasferiti nel nuovo Ospedale psichiatrico costruito nella frazione di Marzana e inaugurato nel 1968.


 
Dal passato al futuro... un viaggio nel tempo dei templi della salute
Torna ai contenuti | Torna al menu