CERRETO SANNITA Ospedale Madonna delle Grazie - Ospedali d'Italia

Vai ai contenuti

Menu principale:

CERRETO SANNITA Ospedale Madonna delle Grazie

Ospedali Sud > Regione Campania > Benevento e provincia

Di questo ospedale, nel Web, abbiamo trovato solo il link di Wikipedia che, ci teniamo a sottolineare, non dà garanzie sulla validità dei contenuti
Il progetto è ospitato dalla Wikimedia Foundation, che non può essere ritenuta responsabile di eventuali errori contenuti nel sito.
Ogni contributore è responsabile dei propri inserimenti.


Naturalmente se chi ci legge ha notizie e/o contatti da suggerirci non esiti da inviarcene comunicazione alla email : ospedaliditalia@gmail.com
Ogni concreto aiuto ricevuto verrà poi riportato nella scheda di presentazione

https://it.wikipedia.org/wiki/Ospedale_di_Cerreto_Sannita


L'attuale struttura sanitaria, aperta nel 1984, è l'ultima in ordine cronologico esistente a Cerreto Sannita dove del primo ospedale pubblico si ha notizia già nel 1395.
Il primo ospedale pubblico di cui si ha notizia era intitolato a San Leonardo ed era annesso all'omonima chiesa che alla fine del XVI secolo fu adibita a Cattedrale. L'ospedale, che era gestito dall'Universitas, accoglieva i malati, i poveri, gli infermi ed i neonati che venivano esposti sulle sue scale.
La prima notizia risale al 6 novembre 1395 quando il cerretese Cicco De Filippo destinò all'ospedale un appezzamento di terreno al fine di sostenere economicamente le spese dei degenti poveri.
L'edificio era costituito da due camere ed era custodito da un cittadino nominato dalla civica amministrazione chiamato hospitalario.
Mons. Sigismondo Gambacorta nel XVII secolo si adoperò per farlo restaurare facendovi apporre sulla porta di ingresso una lunga iscrizione in latino.
Nei primi anni del Seicento i medicamenti venivano forniti dallo speziale (farmacista) Achille Dalio, il medico era Giacomo Antonio De Biasi ed il "chirurgo e sanguettaro" era Giovan Angelo Cusano che di professione faceva il barbiere. I malati gravi venivano tuttavia portati a Napoli.
La cura spirituale dei ricoverati era affidata ai frati cappuccini di Cerreto Sannita che in cambio ricevevano ogni giorno una pietanza e ogni settimana la somma di tre carlini a spese della civica amministrazione.
Nel 1596 l'ospedale aveva una rendita di circa duecento ducati che si accrebbe negli anni successivi.
A seguito della distruzione di Cerreto antica causata dal terremoto del 5 giugno 1688, con la ricostruzione ex novo della cittadina si rese necessario costruire un nuovo ospedale.
Nel 1706 venne citato il primo ospedale dell'attuale Cerreto Sannita ma il luogo in cui questo edificio era ubicato non è conosciuto.
Nel 1725 l'ospedale venne trasferito in una casa acquistata dall'Universitas. Questa nuova sede, ampia e spaziosa, fu ristrutturata nel 1732.
Accadde però che nel 1735 gli eletti della civica amministrazione supplicarono il conte di poter vendere la casa adibita ad ospedale perché, essendo isolata dal resto delle abitazioni, era diventata «ricettacolo di birbi e vagabondi, con unione di uomini et donne». Il conte rimise la supplica al governatore della contea che, convocati i cerretesi in parlamento, ottenne da loro parere favorevole alla vendita dello stabile.
L'asta fu aggiudicata al rev. Giuseppe Mazzacane che offrì 218 ducati e 5 grana. Con il ricavato della vendita fu costruito il primo nucleo del teatro comunale e il nuovo ospedale, di dimensioni modeste, che trovava posto all'angolo fra vico Olmo e via Sannio, di fianco le carceri feudali ed alle spalle della taverna ducale. Questo nuovo ospedale rimase in funzione sino alla metà del XIX secolo.
L'attuale edificio fu fortemente voluto dall'amministrazione comunale di Cerreto Sannita; Il progetto iniziale, commissionato agli ingegneri Ferdinando e Ferruccio Ferrigni (1965), prevedeva un unico corpo di fabbrica costituito in totale da sei piani di cui uno seminterrato. I lavori iniziarono nel 1969.
Nel 1977 la Regione finanziò un secondo ciclo di interventi. Durante i lavori, eseguiti nel 1978, si verificarono fenomeni di distacco che comportarono la demolizione del corpo "D", successivamente ricostruito. Altri due importanti contributi furono elargiti dalla Regione nel 1978 . Con questi ultimi finanziamenti si provvide a completare gli impianti acqua - luce - gas, a impermeabilizzare la tettoia e ad acquistare le attrezzature sanitarie. L'ospedale entrò in piena attività nel 1984 e venne dotato anche di una Scuola per operatori sanitari.
A partire dal 2007 Cerreto Sannita è stata interessata da numerose proteste e da accese manifestazioni contro la riconversione dell'ospedale Maria delle Grazie decretata dalla legge regionale n. 24/2006.
La legge regionale n. 16/2008 (Piano di ristrutturazione e riqualificazione della rete ospedaliera) prevedeva all'art. 6 la "confluenza dell'Ospedale Santa Maria delle Grazie di Cerreto Sannita e dell'Ospedale San Giovanni di Dio di Sant'Agata de' Goti, nel nuovo Presidio denominato Sant'Alfonso Maria dei Liguori in Sant'Agata de' Goti, con contestuale trasferimento di tutte le unità operative allocate nei PO Santa Maria delle Grazie e San Giovanni di Dio".
Nonostante le proteste, a volte anche accese e cruente, e nonostante i numerosi appelli alle autorità competenti, i reparti di medicina, di ortopedia, di chirurgia e di cardiologia dell'ospedale di Cerreto Sannita sono stati chiusi e smantellati.
Nell'agosto 2011 era in corso la trasformazione della struttura sanitaria in "ospedale di comunità", ovvero l'edificio diventerà sede solo di un primo soccorso e di uffici di assistenza sociale.
Negli ultimi anni, a seguito dei diversi tagli finanziari operati sulla sanità, l'ospedale ha subito la perdita di diverse unità operative ed in ultimo, nel 2007, la perdita del reparto di ostetricia e ginecologia, assumendo sempre più la caratteristica di "ospedale di comunità", confermata dal nuovo ordinamento entrato in vigore nel 2009.

 
Dal passato al futuro... un viaggio nel tempo dei templi della salute
Torna ai contenuti | Torna al menu