CASTELLEONE Ospedale civile O.P. SS Latino e Giacomo - ospedali d'Italia

Vai ai contenuti

Menu principale:

CASTELLEONE Ospedale civile O.P. SS Latino e Giacomo

Ospedali Nord Ovest > Regione Lombardia > Cremona provincia

Il contenuto di questa scheda deriva da una pubblicazione del Centro ricerca Alfredo Galmozzi -www.centrogalmozzi.it - ( fondato dal Comune di Crema, dalla Provincia di Cremona, dai sindacati Cigil, Cisl e Uil, da Coop Lombardia, dal Centro Ricerca Cremasco e dalla famiglia Galmozzi con lo scopo di tutelare e promuovere la memoria storica del territorio cremasco nel XX e XXI secolo) del 2018 dal titolo "avrò cura di te" curato da Nicoletta Bigatti e riportante storie e attualità dell'Azienda Ospedaliera di Crema



L’Origine dell’Ospedale si perde nella notte dei tempi. Tradizione vuole che esso sia stato creato in occasione della battaglia delle Bodesine, allo scopo di dare assistenza ai feriti. I documenti informano che l’Istituto venne più volte trasferito di sede (al 1525 risale la sua costituzione in Ente Morale), fino a trovare la collocazione attuale al 1849. Al 1928 risale invece la prima importante ristrutturazione del presidio. Le nostre prime testimonianze dirette fanno riferimento agli anni 60, quando l’Ospedale ha già una propria organizzazione consolidata che prevede tre reparti Medicina, Chirurgia e Ostetricia. Una piccola realtà con personale ridotto al minimo, qualche inserviente e poche ausiliarie, a cui spettano carichi di lavoro inimmaginabili.
Anche qui come negli altri ospedali erano le religiose a “dettare legge”; nel caso specifico quelle dell’Ordine di Maria Bambina.
Nel 1981, con la costituzione delle USL l’assegnano a Crema e nel corso degli anni successivi va incontro ad inesorabile decadenza  fino ad arrivare al 1995 dove diventa ufficialmente Istituto Geriatrico di Riabilitazione che risulterà comunque insufficiente portando la sua chiusura definitiva nel 2002 con in trasferimento degli ultimi malati presso l’attigua  nuova costruzione  affidata alla Fondazione Giuseppina Brunenghi.
Nel 2009 la vecchia struttura è stata messa all’Asta e venduta ad un privato.

 
Dal passato al futuro... un viaggio nel tempo dei templi della salute
Torna ai contenuti | Torna al menu