CASTELNUOVO DI GARFAGNANA Ospedale Civile S. Croce - ospedali d'Italia

Vai ai contenuti

Menu principale:

CASTELNUOVO DI GARFAGNANA Ospedale Civile S. Croce

Ospedali Centro > Regione Toscana > Lucca e provincia

Ringraziamo l'autore del blog per la disponibilità all'uso dei dati

http://www.hazi.biz/umberto/comune-di-castelnuovo/ospedale-e-legati-pii/


L’Ospedale degli infermi, noto un tempo col nome di Santa Maria e oggi con quello di Santa Croce, ebbe origine nel 1400. Il Comune di Castelnuovo, nell’aprile del 1490, lo incorporò alla Confraternita dei Disciplinati, fondata il 23 aprile del 1454, per opera del P. Francesco Carso, francescano, della quale Monsig. Stefano Trenta, Vescovo di Lucca, approvò i Capitoli nel 1472. Venne ampliato nel 1824, con porzione di una casa attigua posseduta da Antonio Naccarini e dalle sue sorelle.
Contro ogni principio dpubblica e di convenienza è collocato in luogo troppo centrale, ed alla città può tornare da un giorno alldi grave pericolo. La qual cosa venne osservata personalmente dal Duca Francesco IV, che propose si vendesse e se ne costruisse uno nuovo in sito più adatto, offrendosi di acquistare egli stesso il vecchio fabbricato.
Fino dal 1489 tiene il governo dell’Ospedale la Congregazione di Carità e delle Opere Pie, a cui venne affidato ai 23 settembre di esso anno dal Pontefice Innocenzo VIII. Essa amministra eziandio:
1.° L’Ospizio dei Trovatelli, per R. Decreto de’ 30 luglio 1864.
2° L’Ospizio di Mendicità, eretto coi fondi del soppresso Monte di Pietà ed aggregato all’Ospedale col R. Decreto de’ 7 marzo 1870.
3.° La così detta Eredità Vangioni, ha origine dal testamento di Giuliano Vangioni di Torrite, de’ 12 ottobre 1679, con cui ordinava che coi redditi del suo patrimonio fossero dotate le giovani di alcune famiglie, che egli stesso designava. Siffatta amministrazione fu tenuta per qualche tempo da un solo individuo, ma il Duca Francesco IV, con decreto de’ 16 marzo 1840, ordinò che fosse affidata alla Compagnia del SS. Sacramento di Castelnuovo, con obbligo però di giustificare ogni anno presso il Governo Provinciale la propria gestione. Dalla Compagnia stessa passò poi alla Congregazione delle Opere Pie, con obbligo di eseguire la volontà del testatore.
4.° II Legato Morelli, istituito dall’Aw. Giovan Michele Morelli di Castelnuovo, con testamento de’ 21 dicembre 1825; nel quale dispose che i frutti della sua eredità venissero erogati nel mantenere due giovani agli studi in uno de’ luoghi a tale oggetto destinati dal Governo; nel formare il patrimonio ecclesiastico a due giovani chierici; nel dotare fanciulle che si maritassero, o si facessero monache.
5.° Il Legato Corsi, istituito dal Prof. Carlo Corsi, con testamento consegnato in cedola segreta al notaro De Angelis il 14 dicembre 1840, ed aperto il 4 settembre 1846. Ordinò egli che dalla sua eredità fosse prelevata la somma di lire tredicimila, da amministrarsi dall’Abbate di Castelnuovo, dal Podestà di esso luogo e dal Parroco di Capricchia, patria del disponente; e col frutto vi si mantenesse per due anni agli studi di pratica in una delle principali cliniche d’Italia o pure negli Ospedali di Parigi o di Londra un giovane laureato in medicina o chirurgia. Ordinò pure che si mettessero a mutuo 2800 lire, ed il frutto ogni anno si desse per dote a una fanciulla di Capricchia, da scegliersi sempre tra le più povere. In forza di una transazione fra gli esecutori testamentari del Corsi ed il fratello ed erede di lui, sanzionata dal Supremo Consiglio di Modena il 10 novembre 1847, venne assai diminuito siffatto lascito, e fu convenuto che se non vi fosse ne’ un medico ne’ un chirurgo la pensione dovesse toccare ad un laureato in giurisprudenza.



 
Dal passato al futuro... un viaggio nel tempo dei templi della salute
Torna ai contenuti | Torna al menu