VIPITENO Ospedale civile - ospedali d'Italia

Vai ai contenuti

Menu principale:

VIPITENO Ospedale civile

Ospedali Nord est > Regione Trentino Alto Adige > Bolzano e provincia



L'Amministrazione ha autorizzato l'uso dei dati che di seguito postiamo

https://stiftung-deutschhaus.it/index.php?id=16&L=1

La Casa della Commenda affonda le proprie origini in un antico ospizio mariano che sorgeva a Vipiteno già menzionato in un documento del 1234 e successivamente abbandonato. Il 9 giugno 1241 il nobile Hugo Von Taufers e la sua consorte Adelheid, nata contessa di Appiano, fondarono nello stesso punto un nuovo ospizio, dedicato al S. Spirito e destinato all’accoglienza e all’assistenza di poveri e pellegrini e vi si trasferirono.
Il Vescovo Egno di Bressanone diede all’ospizio uno statuto ispirato alla regola agostiniano.
Dopo la morte del marito, Adelheid decise di affidare l’ospizio all’Ordine Teutonico, affinché questo lo proteggesse dai potentati secolari preservandolo come luogo di fattivo amore per il prossimo.
L’atto di donazione, conservato presso l’Archivio centrale dell’Ordine Teutonico a Vienna, è datato 27 novembre 1254, ma la donazione fu confermata da Papa Alessandro IV solo tre anni più tardi, il 5 novembre 1257.


Nei secoli successivi l’Ordine Teutonico ampliò costantemente i possedimenti della Casa. Altre fonti di reddito erano costituite da vari diritti di alpeggio, pascolamento, pesca e caccia. Anche il complesso architettonico subì notevoli trasformazioni. Col passar del tempo, però, l’attività caritativa dell’Ordine passò in secondo piano e la struttura venne utilizzata sempre più quale sede del Commendatore.
Quando poi la Commenda fu saccheggiata durante la rivolta contadina del 1525, cessò definitivamente qualsiasi forma di assistenza a malati e poveri nella struttura.


Fino al 1795 la Casa ospitò anche il clero parrocchiale in quanto l’Ordine, avendo inglobato la chiesa parrocchiale, doveva garantire la cura pastorale della città. La popolazione non ne era però soddisfatta e questo produsse ripetute tensioni fra gli abitanti e la Commanderia.
Altri motivi di frequente attrito erano la scuola di latino esistente nella Commenda, l’inadeguatezza delle cure prestate ai malati e, non ultimo, anche il diritto di mescita del vino detenuto dall’Ordine.
L’ospizio e i relativi beni rimasero di proprietà della Commanderia fino al 1809, anno in cui Napoleone decretò lo scioglimento dell’Ordine Teutonico negli Stati a lui alleati.
L’edificio fu successivamente ceduto dal governo bavarese ai conti di Thurn und Taxis quale risarcimento per la perdita della regalia delle poste in Tirolo.
Nel 1884 una fondazione benefica da secoli nelle mani della cittadinanza vipitenese riuscì ad acquisire la Commenda dal conte Ferdinando di Thurn und Taxis. Tale fondazione (oggi Fondazione Deutschhaus) restituì la struttura alla sua funzione originaria di ospedale e casa di riposo, trasferendovi la propria secolare attività assistenziale.
Negli anni Settanta fu poi realizzato a Vipiteno un nuovo ospedale di zona e il 14 luglio 1977 i settanta pazienti della Commenda vennero trasferiti nel nuovo nosocomio.
Successivamente la nuova amministrazione della Fondazione, insediatasi nel 1997, mise a punto un articolato piano di risanamento per l’intero edificio dando il via a una serie di importanti interventi di riammodernamento. I lavori sono terminati nel 2006 e oggi il complesso viene utilizzato per varie finalità.


 
Dal passato al futuro... un viaggio nel tempo dei templi della salute
Torna ai contenuti | Torna al menu