SALO’ Lazzaretto - ospedali d'Italia

Vai ai contenuti

Menu principale:

SALO’ Lazzaretto

Ospedali Nord Ovest > Regione Lombardia > Brescia provincia

Il contenuto di questa scheda è stato elaborato dall'Associazione ASAR;
L’Associazione persegue esclusivamente finalità di utilità sociale in ambito culturale.
In particolare si prefigge la salvaguardia, lo studio, la ricerca e la valorizzazione del patrimonio storico, archeologico, archivistico, artistico, monumentale, naturalistico e paesaggistico della regione gardesana e del suo entroterra;



http://www.asar-garda.org/Articoli_giornali/lazzaretto.pdf



Il lazzaretto di Salò nasce da una delibera del consiglio generale del Comune, datata 7 giugno 1484, che prevede l’acquisto di una pezza di terra appartenente a Gerolamo Bergamini “ultra lacum prope foramen ab anguanis”.
Nei registri della sanità del Comune troviamo ampia documentazione dei lavori di costruzione: il nome dell’architetto a cui l’edificazione viene affidata, “mastro Batista dei Osei da Bressa, architecto”, gli artigiani e le maestranze intervenute nella costruzione, i materiali acquistati ed i costi sostenuti dal Comune. Gli operai impegnati nella fabbrica spesso diventano benefattori della stessa; d’altra parte, fra di essi si trovano anche condannati dal provveditore a pene da scontare lavorando uno o due mesi nel lazzaretto. Ciò consente di concludere che quest’opera non solo è commissionata e guidata dal Comune, ma impegna tutta la comunità salodiana come una vera e propria priorità collettiva.
La struttura, in piena efficienza entro la metà del XVI secolo, subì nei secoli successivi diversi interventi di manutenzione, ristrutturazione e restauro; venne poi destinata ad altri usi dal XIX secolo.
Il complesso architettonico si articola in più spazi, che rispondono a differenti e complementari funzioni. Il corpo maggiore dell’edificio è destinato ad ospitare le camere per i ricoverati e le stanze di servizio. Sul lato orientale dell’area si trova quello che potremmo chiamare “lo spazio della speranza”, la piccola chiesa dedicata a San Rocco.
Tra questi due edifici e le pendici della collina si apre un cortile, in cui si depositano e si disinfettano le merci sottoposte a sequestro dai sanitari e, durante l’epidemia, si scavano le grandi fosse comuni, in cui i cadaveri dei morti di peste vengono gettati, ricoperti da uno strato di calce viva per scongiurare la possibile comunicazione del contagio.
L’organico del lazzaretto è costituito innanzitutto da un priore e da un vicepriore; ci sono poi i guardiani, che hanno funzione di sorveglianza e sono responsabili della conservazione e della disinfezione delle merci; infine c’è il personale di servizio, costituito dagli “sboratori”, competenti delle disinfezioni, da coloro che si occupano dei servizi alle persone e dai “nettezini” o “sottradori”, coloro che trasportano e seppelliscono i cadaveri. L’opera di tutte queste persone si svolge sotto la direzione ed il controllo dell’ufficio di sanità del Comune e la supervisione di quello della Riviera.

Da: Il Lazzaretto di Salò di Giuseppe Piotti


 
Dal passato al futuro... un viaggio nel tempo dei templi della salute
Torna ai contenuti | Torna al menu