RAGUSA Ospedale Sammito - Ospedali d'Italia

Vai ai contenuti

Menu principale:

RAGUSA Ospedale Sammito

Ospedali Isole maggiori > Regione Sicilia > Provincia Ragusa

La scheda deriva integralmente dal testo  “Ospedalità antica in Sicilia” del Prof. Mario Alberghina dell’Università di Catania che ben vent’anni fa ha svolto una ricerca su tutti gli Ospedali siciliani. Da noi contattato non ha esitato, oltre a farci dono del testo, a darci la completa disponibilità ad attingere al volume riportandone fedelmente i contenuti.
Vogliamo aggiungere che, fino ad ora, a parte la nostra iniziativa di raccogliere la storia degli ospedali italiani, il volume del Prof. Alberghina è unico nel suo genere.

A Ragusa superiore, nel 1902 venne eletto ad Ente morale il piccolo Ospedale Sammito (Piazza Cappuccini) per ammalati poveri, retto dalla Congregazione di Carità, che raccoglieva finanziamenti comunali e metà (integralmente dal 1919) delle rendite della ricca ed antica Opera Pia Messa dell’Alba (missa in ora Aurorae), a cui aveva contribuito con beni propri, tra gli altri, il nobile benefattore di origini calabresi Giacomo Sammito (1580). L’Ospedale Sammito era anche chiamato “lazzaretto” perché ricoverava, tra gli altri, ammalati infettivi e sifilitici.
Un coevo istituto assistenziale a Ragusa superiore fu l’ospedaletto Albafiorita (4 posti letto), istituito da Donna Ignazia Arezzo de Spucches, duchessa d’Albafiorita, nel 1907, presso l’Ospizio di mendicità, accanto alla chiesa di San Francesco nel quartiere dei Cappuccini.

Testo : Giancarlo Iaia, La Storia degli Ospedali di Ragusa, dal San Giuliano al nuovo Ospedale, ElleDue srl-Ragusa, 2004

 
Dal passato al futuro... un viaggio nel tempo dei templi della salute
Torna ai contenuti | Torna al menu