TOCCO DA CASAURIA Ospedale Civile Domenico Filomusi - ospedali d'Italia

Vai ai contenuti

Menu principale:

TOCCO DA CASAURIA Ospedale Civile Domenico Filomusi

Ospedali Sud > Regione Abruzzo > Pescara e provincia

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Vista  la  legge 12 febbraio 1968, n. 132, recante norme sugli enti ospedalieri e sull'assistenza ospedaliera;
Visto il decreto del prefetto della provincia di Pescara in data 20 luglio  1948,  con  il  quale  il  "Piccolo  ospedale civico Domenico Filomusi  di  Tocco  Casauria, e' stato classificato "Infermeria", ai sensi del regio decreto 30 settembre 1938, n. 1631;
Visto  il provvedimento del medico provinciale di Pescara in data 4 febbraio  1970,  con  il  quale  si attesta che l'infermeria "Piccolo ospedale  civico  Domenico  Filomusi"  di Tocco Casauria non e', allo stato  attuale, in possesso dei requisiti per essere classificata tra gli ospedali previsti dal titolo III della legge 12 febbraio 1968, n.132;
Considerato  che  l'ente  anzidetto  alla data di entrata in vigore della  legge  12  febbraio 1968, n. 132, provvedeva esclusivamente al ricovero ed alla cura degli infermi, in conformita' dell'art. 3 dello statuto  approvato  con  decreto  del Capo provvisorio dello Stato 29 novembre 1946, n. 633;
Visti gli articoli 3, 4, 9, 54 e 65 della legge stessa;
Visto l'ultimo comma dell'articolo 65 della predetta legge n. 132 a termini  del  quale,  ai  fini  della  costituzione  del consiglio di amministrazione  gli  enti  ospedalieri  in questione sono equiparati agli enti ospedalieri comprendenti ospedali di zona;
Sulla  proposta  del  Ministro  per  la sanita', di concerto con il Ministro per l'interno;


Decreta:


L'infermeria  "Piccolo ospedale civico Domenico Filomusi", con sede in Tocco Casauria (Pescara), di cui alle premesse, e' dichiarata ente ospedaliero.
Il  consiglio di amministrazione dell'ente ospedaliero suddetto, e' composto come segue:
un membro eletto dal consiglio provinciale di Pescara;
tre membri eletti dal consiglio comunale di Tocco Casauria;
due  membri in rappresentanza degli originari interessi dell'ente
designati  e  nominati ai sensi dello statuto dell'ente approvato con decreto del Capo provvisorio dello Stato 29 novembre 1946, n. 633.
Il  presente  decreto munito del sigillo dello Stato, sara' inserito nella  Raccolta  ufficiale delle leggi e dei decreti della Repubblica italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.


Dato a Roma, addi' 19 febbraio 1970

SARAGAT
RIPAMONTI - RESTIVO

Visto, il Guardasigilli: REALE
Registrato alla Corte dei conti, addi' 17 giugno 1970
Atti del Governo, registro n. 236, foglio n. 24. - CARUSO


 
Dal passato al futuro... un viaggio nel tempo dei templi della salute
Torna ai contenuti | Torna al menu