BIBBIENA Ospedale Santa Maria della Misericordia ora del Casentino - ospedali d'Italia

Vai ai contenuti

Menu principale:

BIBBIENA Ospedale Santa Maria della Misericordia ora del Casentino

Ospedali Centro > Regione Toscana > Arezzo e provincia

Il contenuto della scheda è riportato sul sito "Art bonus"  creato in ottemperanza alle prescrizioni della Legge 29 luglio 2014, n. 106 - Conversione, con modificazioni, del decreto-legge 31 maggio 2014, n. 83 "Disposizioni urgenti per la tutela del patrimonio culturale, lo sviluppo della cultura e il rilancio del turismo" - articolo 1 comma 5.
Ha  la funzione di fornire ai mecenati tutte le informazioni, le istruzioni, gli strumenti ed i contenuti legislativi per usufruire della misura agevolativa del credito di imposta introdotto dalla legge. È uno strumento di trasparenza, diffusione e promozione del mecenatismo culturale e fornisce tutti i contatti per poter usufruire di assistenza per la corretta gestione e funzionalità dello strumento di legge.
L'autorizzazione alla divulgazione dei dati proviene invece dalla Direzione UOC Patrimonio Dipartimento Tecnico della USL Toscana Sud Est


https://artbonus.gov.it/1398-antico-ospedale-santa-maria-della-misericordia-bibbiena,-(ar).html


La costruzione dell’Ospedale Santa Maria della Misericordia è iniziata a cavallo tra il secondo ed il terzo decennio del secolo scorso a seguito della demolizione del precedente Ospedale collocato originariamente all’interno delle mura cittadine e smantellato per far posto al Teatro Rex di evidente architettura littoria. Il suo impianto è tipico delle architetture sanitarie di questo periodo storico.
L'area su cui è stato edificato si inserisce all'interno della Conca Centrale Casentinese, nel nucleo di Bibbiena, agglomerato urbano con larghi spazi alberati, un quadro naturale di non comune bellezza panoramica dai quali si può godere la visuale della valle dell'Arno e delle Giogaie Appenniniche del Casentino.
La costruzione dell'ospedale venne completata nel corso degli anni '30, grazie ad una importante donazione da parte di Giuseppe Montini  (1876-1941) e prese il nome di Nuovo Ospedale Vittorio Emanuele III.
La vita di questo ospedale, che successivamente prese il nome di Ospedale Civile, è legata a quella della prestigiosa famiglia Montini: il figlio del fondatore, Enrico (1914-2000) ne fu Presidente.


 
Dal passato al futuro... un viaggio nel tempo dei templi della salute
Torna ai contenuti | Torna al menu