BUSCA Ospedale civile ora Hospice - Ospedali d'Italia

Vai ai contenuti

Menu principale:

BUSCA Ospedale civile ora Hospice

Ospedali Nord Ovest > Regione Piemonte > Cuneo provincia > A-C



Il contenuto della scheda è tratto dalla "carta dei servizi" dell'attuale Residenza Sanitaria Assistenziale, scaricabile dal sito http://www.ospedalebusca.it/

L’Ospedale Civile di Busca ha le sue origini nella seconda metà del 1600. Infatti già nel 1680 cominciò a funzionare un Ospedale, che nel 1694 per opera della Confraternita della S.S Trinità ottenne con Bolla Pontificia l’erezione in Ente Religioso che prese il nome di “Ospedale dei Poveri Infermi” e operò sotto la direzione della stessa Confraternita.
La sede primitiva fu in alcuni locali di proprietà della stessa Confraternita attigui alla Chiesa della Rossa, ma già verso la metà del 1700 si prospettò la costruzione di una sede più grande in grado di soddisfare le nuove e maggiori esigenze che si andavano creando nel paese.
Così fu redatto un progetto e fu individuata l’area per la costruzione del nuovo Ospedale in un prato di proprietà dei Camaldolesi dell’Eremo vicino all’attuale Villa Bafile luogo in cui tutt’ora si trova l’edificio.
Così il piccolo Ospedale di Busca a fine secolo cominciò a funzionare e a svolgere la propria attività di cura dei malati, incurabili e degli abbandonati aggregandosi alla locale Congregazione di Carità.
Solo nel 1938 l’Ospedale assume un’autonomia propria diventando Ospedale Civile di Busca ed operando il decentramento dalla Congregazione di Carità.
Successivamente con R.D. 30/09/1938 n. 1631 viene convertito in “Infermeria per malati acuti”. L’Istituzione comincia a svolgere un ruolo più sanitario, viene infatti dotata di reparti per il ricovero e cura di pazienti con patologie diverse e nasce anche il reparto maternità attivo fino agli anni settanta. Agli inizi degli anni ’80 con la riforma del Servizio Sanitario Nazionale e l’istituzione delle U.S.L. che avevano il compito di
gestire le funzioni socio-assistenziali questo Ente è stato riconvertito in una struttura socio residenziale per pazienti non autosufficienti che non possono essere assistiti al proprio domicilio. L’Ente è sopravvissuto
anche grazie alle donazioni di benefattori privati che con i loro patrimoni hanno permesso di eseguire nei tempi tanti lavori di sistemazione dell’edificio.  L’istituzione ha dovuto pertanto adeguare i locali e gli spazi comuni agli standard fissati dalla Regione Piemonte ed ha avuto accesso ai finanziamenti ex art. 20 legge 86/88 operando negli anni 1998 – 1999 la globale ristrutturazione dell’edificio ospedaliero. La sede dell’Ente è rimasta invariata ed è ubicata nel centro cittadino vicino alla sede distrettuale del poliambulatorio A.S.L.
L’Ospedale Civile di Busca è un’Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza oggi RSA
E’ retto da un Consiglio di Amministrazione composto da 5 Membri di cui 1 Presidente che durano in carica 5 anni e sono nominati dalla Provincia di Cuneo e dal Comune di Busca.
La conduzione dell’Ente è affidata all’Ufficio Amministrativo composto dal Segretario - Direttore, dal Collaboratore Amministrativo e dall’Esecutore Amministrativo.

 
Dal passato al futuro... un viaggio nel tempo dei templi della salute
Torna ai contenuti | Torna al menu