FORLI Ospedale G. B. Morgagni - ospedali d'Italia

Vai ai contenuti

Menu principale:

FORLI Ospedale G. B. Morgagni

Ospedali Nord est > Regione Emilia Romagna > Cesena-Forli e provincia

Questa scheda proviene dal Catalogo digitale del Patrimonio Culturale dell'Emilia Romagna pubblicato sul  sito "https://bbcc.ibc.regione.emilia-romagna.it/ "

https://bbcc.ibc.regione.emilia-romagna.it/pater/loadcard.do?id_card=56753


L'antico ospedale Casa di Dio, attivo fin dal 1772 e ubicato nel palazzo del Merenda in pieno centro a Forlì, già nell'800 si era rivelato inadeguato, tanto da rendere necessario un primo ampliamento tra il 1824 e il 1848 e la sua definitiva sostituzione con la costruzione del primo nucleo dell'ospedale Morgagni a partire dai primi anni del 900. (da wikipedia)

Il nuovo Ospedale Civile di Forlì, intitolato inizialmente ad Aurelio Saffi e, dal 1921, al medico forlivese Giovan Battista Morgagni (1682-1771), fu costruito su progetto dell’architetto ravennate Giovanni Tempioni a partire dal settembre 1907, e aperto al pubblico nel 1915. Ispirato alle costruzioni ospedaliere dei primi decenni del XX secolo, che avevano come modello di riferimento le “Nightingale wards”, o strutture a padiglioni separati, l’ospedale si caratterizza per essenzialità e funzionalità.
La facciata del fabbricato si propone con le caratteristiche dell’edilizia industriale, in modo da costituire una struttura a ponte con il settore d’ingresso enfatizzato da un prospetto aggettante, come pure le parti terminali con finestre a bifora sormontate da archi ribassati. Un imponente frontone corre per tutta la lunghezza del prospetto, nascondendo la copertura a padiglione dell’edificio.
All’interno, l’impianto sobrio e razionale consentì di caratterizzare sul piano estetico le sale d’ingresso dei fabbricati, arricchite con epigrafi commemorative delle più eminenti personalità attive in campo medico, e con pregevoli sculture tra le quali si segnalano opere di Bernardino Boifava, Giuseppe Canalini, Roberto de Cupis e Ugo Savorana.
Un importante ampliamento del Nuovo Ospedale Civico Giovan Battista Morgagni avvenne tra il 1939 e il ’40, quando Manlio Morgagni fece costruire il padiglione Maternità, iniziato nel 1939, secondo il progetto dell’architetto cesenate Aldo Zacchi, e inaugurato nel 1941.
Nel 2004, in seguito all’ampliamento del sanatorio di Vecchiazzano, la struttura fu trasferita al nuovo Ospedale Morgagni Pierantoni.





 
Dal passato al futuro... un viaggio nel tempo dei templi della salute
Torna ai contenuti | Torna al menu