Ospedale San Donato - ospedali d'Italia

Vai ai contenuti

Menu principale:

Ospedale San Donato

Ospedali Centro > Regione Toscana > Arezzo e provincia

Le informazioni di questa scheda derivano dal SIUSA
Il Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche, noto con l'acronimo SIUSA, si propone come punto di accesso primario per la consultazione e la ricerca del patrimonio archivistico non statale, pubblico e privato, conservato al di fuori degli Archivi di Stato.
Andate alla sezione link per maggiori informazioni relativamente alle competenze e copyright



https://siusa.archivi.beniculturali.it/cgi-bin/pagina.pl?TipoPag=prodente&Chiave=33148


L'ospedale di Arezzo fu fondato intorno al 1215 grazie alla donazione di alcuni terreni da parte di Giambianco Visdomini e di sua moglie Cecilia; fra i suoi compiti anche quello di accogliere ed allevare i "gettatelli". Ebbe il nome di Spedale del Ponte della Misericordia nel 1588 e di S. Maria sopra i Ponti nel 1773. Si trattava del più grande fra gli spedali della città destinati all'assistenza dei bisognosi e gestiti dalla Fraternita dei Laici, che provvedeva al loro mantenimento mediante il proprio cospicuo patrimonio immobiliare e fondiario. Nel corso del '700 divenne uno dei più importanti e moderni del Granducato; in base al regolamento leopoldino del 1784 l'Ospedale risulta il più cospicuo e attrezzato in terra aretina. Nel 1924 l'Istituto fu trasferito nel nuovo edificio situato nei pressi della chiesa di Santa Croce. L'ospedale dipende attulamente dalla ASL 8 di Arezzo.



Bibliografia:
C. VERANI, Origine e vicende dello Spedale di S. Maria del Ponte, Arezzo, 1932
F. VANNOZZI, "S. Maria sopra i Ponti della città di Arezzo. 1777-1792: 25 anni di vita ospedaliera", in "Annali Aretini", V, 1997, 99-128
ANTONELLA MORIANI, "Note per la storia dell'Ospedale di Santa Maria del Ponte di Arezzo", in "Annali aretini", I (1993), 69-78

 
Dal passato al futuro... un viaggio nel tempo dei templi della salute
Torna ai contenuti | Torna al menu