Ospedale psichiatrico San Felice - ospedali d'Italia

Vai ai contenuti

Menu principale:

Ospedale psichiatrico San Felice

Ospedali Nord est > Regione Veneto > Vicenza città

Questa scheda proviene dal sito "carte da legare " http://www.cartedalegare.san.beniculturali.it/ ; è un progetto della Direzione generale archivi del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo nato per proporre una visione organica di tutela del patrimonio archivistico di queste istituzioni. Partito nel 1999 con un primo programma di finanziamento per i complessi archivistici degli ospedali Santa Maria della Pietà di Roma e Leonardo Bianchi di Napoli. Il portale mette a disposizione della comunità i risultati . Essi possono essere utilizzati per scopi di studio e ricerca da parte degli addetti ai lavori e per la semplice conoscenza del fenomeno manicomiale da parte di un pubblico più vasto.
Sono liberamente consultabili i dati del censimento degli archivi, alcuni strumenti di ricerca e le statistiche dei dati socio-sanitari ricavati dalle cartelle cliniche. La consultazione dei dati specifici delle singole cartelle cliniche avviene, invece, dietro autorizzazione, nel rispetto della normativa sulla privacy.
Carte da legare costituisce anche un percorso tematico specifico del SIUSA (Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche).


Altre denominazioni temporali
Manicomio provinciale di Vicenza 1906
Manicomio provinciale di San Felice in Vicenza 1906

L'ospedale venne istituito nel 1896 nel complesso dell'ex monastero dei Santi Felice e Fortunato, acquistato dall'Amministrazione provinciale di Vicenza nel 1894 e dal 1896 destinato ad ospedale psichiatrico. Nel medesimo anno fu redatto e approvato lo statuto, emanato il relativo Regolamento organico ed eletto il primo direttore, il prof. Ugo Stefani.
Nel 1897 assunse la denominazione ufficiale di Manicomio provinciale di San Felice di Vicenza.
Nel 1902 il complesso venne ampliato con la costruzione di una pellagrosario e la fondazione di una colonia agricola che nel 1939 venne trasferita nel centro ergoterapico di Montecchio Precalcino.
Durante la prima guerra mondiale il complesso di San Felice, nella sede dell'ex pellagrosario in via D'Annunzio, divenne sede dell'ospedale campo n. 0100 che accoglieva i soldati affetti da malattie nervose e mentali.
Durante il secondo conflitto mondiale lo stesso edificio ospitò l'Ospedale militare di riserva e una sezione dell'Ospedale militare germanico. Un'ala del complesso del San Felice venne danneggiata nei bombardamenti del marzo 1944 che distrussero anche una parte delle carte dell'amministrazione.
Nel 1950 venne istituito il reparto neurologico dell'Ospedale San Felice che venne trasferito nel 1970 all'Ospedale civile di Vicenza.

altre informazioni sul sito di " Spazi della follia "   - http://www.spazidellafollia.eu/it - che, per motivi di copyright, permette solamente l'accesso dal loro URL

http://www.spazidellafollia.eu/it/complesso-manicomiale/ospedale-psichiatrico-provinciale-san-felice-di-vicenza

 
Dal passato al futuro... un viaggio nel tempo dei templi della salute
Torna ai contenuti | Torna al menu