Ospedale Militare - ospedali d'Italia

Vai ai contenuti

Menu principale:

Ospedale Militare

Ospedali Nord est > Regione Emilia Romagna > Piacenza e provincia

Ringraziamo l'associazione Piacenza Antica per la disponibilità all'uso dei dati pubblicati sul loro portale. L'attività che si prefigge è la promozione della cultura, la storia tramite foto, aneddoti e curiosità del territorio piacentino.

http://www.piacenzantica.it/page.php?269


Il ministero della guerra nel 1863 decise, vista l'importanza strategica della città e sede di centro militare con ingente presidio permanente, di creare un ospedale militare capace di circa 600 posti letto a Piacenza.
Il progetto, la costruzione e gli studi sul territorio dove si dovesse erigere l'imponente edificio, furono affidati al reparto genio militare. La direzione del genio dapprima scelse come zona di edificazione la località dove si trovavano i ruderi dell'antico castello farnesiano, cioè a barriera Sant’Antonio (ora piazzale Torino) ma il progetto del maggiore Lopez non ottenne l'approvazione. Venne invece accolto favorevolmente e approvato il progetto del maggiore Enrico Geymet che elaborò uno studio sulla costruzione nello spazio in prossimità di barriera San Raimondo (ora piazzale Genova). La direzione dei lavori venne affidata al capitano Rivera; la prima pietra fu posta nel Giugno 1866 e l'ufficiale terminò la prima parte del progetto esattamente tre anni dopo. Nel Settembre 1869 venne aperto il grande ospedale, in tutto i lavori costarono all'erario 857.000 lire.
Piacenza 1917.
Il grande nosocomio militare di Piacenza era sotto alla direzione del colonnello medico dott. Scipione Rinaldi. Non era certamente un'impresa semplice coordinare l'immane lavoro che si svolgeva negli ospedali a guerra in corso. Il Rinaldi oltre a provvedere al perfetto funzionamento tecnico e scientifico della struttura, ebbe anche il difficile compito di reperire altri posti letto nelle strutture cittadine già esistenti (ospedale civile e san Lazzaro Alberoni già gestito dalla Croce Rossa) e di crearne ulteriori ex-novo requisendo edifici scolastici ed ecclesiastici adibendoli alla cura e alla riabilitazione dei soldati feriti, doveva inoltre predisporre la distribuzione dei vari materiali e la formazione di nuovo personale medico e paramedico (che all'epoca si basava molto sulle strutture volontarie). Và ricordato che nel periodo del primo grande conflitto mondiale, ma anche subito dopo a causa di una tremenda epidemia (l'influenza spagnola scoppiata nel 1918 che ebbe il focolare nel campo di concentramento di Gossolengo, ma che ben presto si espanse in tutte le zone circostanti con ben 32.000 casi di contagio e 1650 decessi) Si può stimare che durante il periodo bellico, i soldati curati nella  città furono circa 100.000 (Piacenza contava allora poco più di 20.000 residenti) la metà dei quali subì interventi chirurgici, furono eseguiti 5000 esami radiologici e 2500 analisi chimiche, 12.000 esami microscopici, 3000 furono i casi di malattie cutanee e veneree, 2100 i ricoveri per patologie neuro-psichiatriche e 2300 gli ammalati infettivi. Questi numeri  spiegano la grande importanza logistica che aveva Piacenza tanto che, anche gli alleati Americani, la scelsero come base della loro Croce Rossa.
Il grande ospedale militare contava allora di cinque reparti per i soldati di truppa, uno per gli ufficiali ed uno per i prigionieri di guerra e nel padiglione centrale aveva sede il pronto soccorso. La farmacia oltre che alla preparazione dei farmaci veniva adibita come deposito per acidi, liquidi infiammabili ed una piccola scorta di esplosivo adibito ad uso non bellico. Le lavanderie che usufruivano di "moderne apparecchiature a motore"detergevano circa 3000 capi al giorno. La sartoria forniva ai pazienti tutto il vestiario che occorreva durante la degenza ciabatte comprese, per il loro benessere erano attivi anche i bagni diurni e la barberia, era stata creata anche un'aula scolastica dove si insegnava a leggere e scrivere. L'ufficio postale redigeva anche il registro di entrata-uscita e trasferimento pazienti, era stato inoltre creato un dormitorio per i famigliari dei degenti più poveri. Officine, maniscalchi, falegnami, stagnini e stallieri completavano l'organico tutto militare presente nella struttura. Le ambulanze non in servizio venivano ospitate in una rimessa in piazza cittadella. Era ormai diventato abitudinale vedere "sfrecciare" per le strade cittadine, queste primitive camionette che facevano da spola tra le varie strutture sanitarie dislocate in tutta la provincia, ma sopratutto andavano a prendere i feriti che arrivavano alla stazione con i treni ospedale. Le cucine del grande nosocomio militare erano all'opera per 24 ore al giorno, la gran parte dei prodotti cucinati era di produzione interna, la struttura disponeva infatti di diversi appezzamenti di terreno adibiti ad orto, di un grande pollaio, di una conigliera con più di trecento capi di ogni razza (molti di questi portati dai militari di ritorno dalle licenze) stalle ed un ovile
Nell'ospedale prestavano servizio le suore dell'ordine "Figlie di san Vincenzo de Paoli" le loro svariate mansioni venivano svolte in tutti i reparti, vi aveva inoltre sede una scuola per infermiere "la Samaritana" presieduta dal dott. Giuseppe Demaldè. Nel 1915 erano ben 117 le "dame visitatrici volontarie piacentine" che portavano sollievo morale ai ragazzi ricoverati; era molto importante ad esempio che i degenti spesso analfabeti, riuscissero a mantenere un contatto epistolare con i loro cari e per questo le dame aiutavano a leggere o a scrivere le missive.
Il grande punto di riferimento sanitario militare dopo più di cento anni di storia non esiste più. Rimangono solo la struttura e gli edifici in grande parte inutilizzati.

Tratto da: gli ospedali militari di piacenza- Stefano Beretta, edizioni freschini parma 1918



Abbiamo trovato altro materiale che valuteremo nel prossimo futuro ma, se interessati, potete consultare nei rispettivi siti:

http://www.archiviodistatopiacenza.beniculturali.it/index.php?it/308/ospedale-militare&pag=4
http://www.istitutostoricopiacenza.it/wp-content/uploads/2016/02/2009_2_gentile.pdf

 
Dal passato al futuro... un viaggio nel tempo dei templi della salute
Torna ai contenuti | Torna al menu