Ospedale di circolo e fondazione Emma e Silvio Macchi - ospedali d'Italia

Vai ai contenuti

Menu principale:

Ospedale di circolo e fondazione Emma e Silvio Macchi

Ospedali Nord Ovest > Regione Lombardia > Varese Città



Le informazioni di questa scheda derivano dal SIUSA
Il Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche, noto con l'acronimo SIUSA, si propone come punto di accesso primario per la consultazione e la ricerca del patrimonio archivistico non statale, pubblico e privato, conservato al di fuori degli Archivi di Stato.
Andate alla sezione link per maggiori informazioni relativamente alle competenze e copyright




https://siusa.archivi.beniculturali.it/cgi-bin/pagina.pl?TipoPag=cons&Chiave=14245


L'Ospedale di circolo di Varese ha origini assai antiche. Il primo istituto ospedaliero della città fu l'Ospitale Nifontano, fondato nella seconda metà del XII secolo; più tardi, intorno alla prima metà del XIV secolo, sorse l'Ospedale S. Giovanni, situato nel centro di Varese. Nel 1567 il cardinale Carlo Borromeo, constatando, durante la sua visita pastorale, lo stato di decadimento di entrambi gli ospedali, ne suggerì la fusione, che fu realizzata qualche anno dopo. Fu così costituito l'"Hospedale de' poveri", che ebbe come prima sede quella dell'Ospedale S. Giovanni; un secolo più tardi fu trasferito in un edificio in località Biumo Inferiore.
Durante la Repubblica cisalpina l'ente assunse la denominazione di Ospedale civico e più tardi, quando nel 1807 l'amministrazione passò alla Congregazione di carità, fu chiamato "Ospedale civico di Varese e luoghi pii uniti".
Trasferito in un edificio nuovo nel 1848, l'ospedale disponeva di una settantina di posti letto, aumentati poi a 93 verso la fine del secolo. Nel 1908 iniziò la costruzione dell'attuale sede ospedaliera, terminata nel 1910 ed in seguito arricchita di nuovi padiglioni. In particolare nel 1930 fu aperto il padigliome Emma e Silvio Macchi; nello stesso anno fu costituita in ente morale la Fondazione Emma e Silvio Macchi come organismo separato dall'ospedale, sotto la diretta amministrazione della Congregazione di carità [...] .
Dal 1975 è sede di facoltà universitaria. Ha ospitato, infatti, la II facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Pavia, successivamente riconosciuta autonoma con l’istituzione dell’Università degli Studi dell’Insubria.
L’Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi è una struttura ospedaliera di rilievo nazionale e alta specializzazione dal 1995.

 
Dal passato al futuro... un viaggio nel tempo dei templi della salute
Torna ai contenuti | Torna al menu