Ospedale di San Francesco de' Macci - ospedali d'Italia

Vai ai contenuti

Menu principale:

Ospedale di San Francesco de' Macci

Ospedali Centro > Regione Toscana > Firenze città

Di questo ospedale, nel Web, abbiamo trovato solo il link di Wikipedia che, ci teniamo a sottolineare, non dà garanzie sulla validità dei contenuti
Il progetto è ospitato dalla Wikimedia Foundation, che non può essere ritenuta responsabile di eventuali errori contenuti nel sito.
Ogni contributore è responsabile dei propri inserimenti.


Il lavoro che,  in questo momento,  stiamo facendo è quello di contattare sia  le Amministrazioni locali sia le strutture sanitarie ad essi afferenti  nella speranza di trovare, soprattutto, l’aiuto di qualche Amministratore che, come abbiamo avuto modo di verificare,  prenda a cuore questo progetto che, ad oggi, non ha eguali se non nel Testo “Ospedalità antica in Sicilia” del Prof. Mario Alberghina dell’Università di Catania che ben vent’anni fa ha svolto una ricerca, appunto,  su tutti gli Ospedali siciliani.
Naturalmente se chi ci legge ha notizie e/o contatti da suggerirci non esiti da inviarcene comunicazione alla email :

ospedaliditalia@gmail.com


Ogni concreto aiuto ricevuto verrà poi riportato nella scheda di presentazione


https://it.wikipedia.org/wiki/Ex_convento_di_San_Francesco_de%27_Macci


L'ospedale, fondato nel 1335 dalla famiglia de' Macci, aveva annessi convento e chiesa denominata di San Francesco al Tempio de' Macci. I Macci erano una ricca famiglia ghibellina che aveva le sue case e torri presso; confiscati tutti loro beni durante le lotte politiche tra guelfi e ghibellini, essi si ritirarono in questa zona, al tempo tra le più povere del centro di Firenze, dove Caio Macci vi aveva fondato l'ospedale e convento di San Francesco al Tempio de' Macci,
L'ospedale assunse il nome di San Francesco che era l'antico nome di via de' Macci e la desinenza al Tempio era dovuta alla vicina via San Giuseppe che prima si chiamava via del Tempio a causa della presenza di un Tempio Templare con annesso spedale. Qualche anno dopo, lo stesso Caio, fondò accanto alla struttura assistenziale un convento per le Clarisse, alle quali si deve la dedica a san Francesco. Qui trovarono asilo anche le cosiddette "Malmaritate", cioè le donne separate dal marito, le povere vedove, le donne sposate a uomini incapaci di mantenerle, come gli invalidi o i carcerati, o le madri nubili.


 
Dal passato al futuro... un viaggio nel tempo dei templi della salute
Torna ai contenuti | Torna al menu