Istituto Materno Regina Elena - ospedali d'Italia

Vai ai contenuti

Menu principale:

Istituto Materno Regina Elena

Ospedali Centro > Regione Lazio > Roma città



Poche, e relativamente recenti, le notizie su questo ospedale.  

http://www1.adnkronos.com/Archivio/AdnSalute/1996/02/23/Sanita/OSPEDALI-TRASFERIMENTO-IMRE-ROMA-AL-S-SPIRITO_160800.php


L'attivita' di degenza dell'Istituto Materno Regina Elena (IMRE) di Roma può essere trasferita all'ospedale S. Spirito. La decisione rientra nella pianificazione regionale delle strutture ospedaliere della USL RM E.
L'IMRE ha una struttura non idonea all'attivita' ospedaliera, in particolare materno-infantile, per il degrado dei locali e le scarse condizioni igienico-sanitarie. Nel presidio, che risale ai primi del secolo, era stata sospesa l'attivita' ostetrica, ma nel dicembre '94, in base a un accordo tra la Regione Lazio, l'azienda USL RM E e le organizzazioni sindacali, il pronto soccorso ostetrico e' stato riattivato con un numero ridotto di posti letto e in vista del trasferimento al Santo Spirito.
Attualmente i reparti di degenza contano 17 posti letto per l'ostetricia e la ginecologia e 7 posti letto per la neonatologia.

Il lavoro che,  in questo momento,  stiamo facendo è quello di contattare sia  le Amministrazioni locali sia le strutture sanitarie ad essi afferenti  nella speranza di trovare, soprattutto, l’aiuto di qualche Amministratore che, come abbiamo avuto modo di verificare,  prenda a cuore questo progetto che, ad oggi, non ha eguali se non nel Testo “Ospedalità antica in Sicilia” del Prof. Mario Alberghina dell’Università di Catania che ben vent’anni fa ha svolto una ricerca, appunto,  su tutti gli Ospedali siciliani.
Naturalmente se chi ci legge ha notizie e/o contatti da suggerirci non esiti ad inviarcene comunicazione alla e-mail :

ospedaliditalia@gmail.com


Ogni concreto aiuto ricevuto verrà poi riportato nella scheda di presentazione



 
Dal passato al futuro... un viaggio nel tempo dei templi della salute
Torna ai contenuti | Torna al menu